Home | Mappa del sito | Cerca | English
ICPL SpA
Interporto Di Roma Piattaforma Logistica Civitavecchia
Servizi logistici
  - Servizi logistici  
  - Regimi doganali e    autorizzazioni    speciali  
  - Deposito doganale  
  - Deposito fiscale  
  - Deposito merce non   conforme  
  - Servizi ai mezzi  
  - Servizi alle   persone  
 
Home > Cosa offriamo > Deposito fiscale
  Deposito fiscale
 

Il deposito fiscale "l'impianto in cui vengono fabbricate, trasformate, detenute, ricevute o spedite merci sottoposte ad accisa, in regime di sospensione dei diritti di accisa, alle condizioni stabilite dall'amministrazione finanziaria" -art.1, comma 2 lett.e), del TUA. Il depositario autorizzato "il soggetto titolare e responsabile della gestione del deposito fiscale"-art.1, comma 2 lett.f), del TUA.


Gli speciali depositi fiscali gestiti anche come depositi IVA sono stati istituiti dall'art. 50 bis, inserito nel D.L. 30 agosto 1993, n. 331, convertito dalla L. 29 ottobre 1993, n. 427, dall'art.1, comma 2, lett. i), dellaL. 18 febbraio 1997, n. 28, per la custodia di beni nazionali e comunitari che non siano destinati alla vendita al minuto nei locali dei depositi medesimi.


L'istituzione dei depositi IVA recepisce i principi comunitari contenuti nell'art. 16 della Direttiva CEE del 17/5/1977, n. 388, come modificata dalla Direttiva 95/7/CE del 10 aprile 1995, ed finalizzata ad evitare che ai beni comunitari venga riservato un trattamento fiscale meno favorevole rispetto a quello previsto per i beni provenienti da Paesi terzi.


Com' noto, il ricorso all'istituto del deposito IVA costituisce una agevolazione soprattutto per gli scambi commerciali in ambito comunitario: l'introduzione delle merci nel deposito IVA comporta, infatti, che l'assolvimento dell'imposta differito al momento della loro estrazione dal deposito per l'immissione in consumo nello Stato.